"Enzimi coagulanti per il settore lattiero-caseario" è il tema del webinar in programma il 10 giugno, organizzato da Scienza e Tecnica Lattiero-Casearia e Produzione&Igiene Alimenti, con il supporto incondizionato di FOODCOM. Parleremo di: evoluzione della coagulazione del latte, produzione industriale dei cagli da fermentazione, tipologie di caglio e applicazioni, e molto altro. 

Il webinar è gratuito e si terrà sulla piattaforma GoToWebinar ----> Per iscriversi cliccare QUI. I partecipanti potranno richiedere un Attestato di partecipazione.

L’aggiunta di nitrati durante il processo di produzione non è comune, poiché la qualità del latte e le tecnologie di lavorazione hanno affrontato lo scopo originale di tali aggiunte, cioè controllare la crescita di determinati batteri che possono causare problemi di qualità del formaggio.

Da qualche decennio, il mondo scientifico è impegnato nello studio di tecnologie alternative alla classica sanitizzazione termica ma il loro utilizzo è ancora molto limitato su scala industriale poiché di queste tecnologie non si conoscono a fondo gli effetti collaterali. 

Nell'ambito della riforma della Pac, la Commissione Europea ha cercato di includere le bevande di origine vegetale nell'etichetta che contrddistingue il latte.

Il motivo è l'impiego di caglio di origine animale durante il processo produttivo, ingrediente escluso dalla dieta di chi rispetta i dettami della religione induista. Assolatte chiede l'intervento della Commissione Europea.

Il progetto LIFE TTGG – The Tough Get Going (“I duri cominciano a giocare”, intendendo con “duri” i formaggi oggetto del progetto) nasce dalla sinergia tra università, start up, aziende produttrici, enti di formazione e ricerca italiani e francesi, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza dei processi produttivi dei formaggi in Europa, ridurre l’impatto ambientale e ottenere così una produzione e un consumo più sostenibili. Nell'ambito del progetto, Grana Padano promuove un'indagine sui consumatori con l'obiettivo di capire l'interesse e le conoscenze degli stessi sul tema della sostenibilità. Clicca qui per partecipare alla survey!

Maurizio Bassani, con oltre 30 anni di esperienza nel food&beverage, assume ora la guida dell'azienda,  della quale fa parte dal 2013.