IPM23 Banner 800 90

Questo mese ha visto l’adozione di una proposta della Commissione europea per nuove regole vincolanti che trasformeranno il modo in cui verranno utilizzati i pesticidi in Europa. Andrew Owen-Griffiths, capo dell’unità Piante e prodotti organici presso la DG SANTE, discute come queste nuove regole proteggeranno la salute e l’ambiente.

Qual è regolamento sull’uso sostenibile ha proposto la Commissione?

L’UE ha cercato a lungo di avere un sistema alimentare più sostenibile e di proteggere l’ambiente e ha adottato la direttiva sull’uso sostenibile dei pesticidi nel lontano 2009. Questa è ora in fase di revisione per renderla in linea con gli obiettivi più ambiziosi fissati nell’UE Green Deal, Biodiversità e Strategie Farm to Fork. I pesticidi aiutano ad aumentare la resa delle colture ma, nonostante le rigide normative per la loro autorizzazione e utilizzo, contribuiscono anche alla perdita di biodiversità e possono mettere a rischio la salute umana. La Commissione mira a ridurre l’uso dei rischi associati ai pesticidi chimici per proteggere sia il pianeta che i suoi abitanti.

Che cosa mira a ottenere esattamente questo regolamento?

La proposta della Commissione per un nuovo regolamento sull’uso sostenibile (SUR) fissa gli obiettivi dell’UE per ridurre l’uso e il rischio di pesticidi chimici e l’uso di pesticidi più pericolosi del 50% entro il 2030. Gli Stati membri devono stabilire i propri obiettivi ai sensi delle proprie legislazioni nazionali per contribuire a raggiungere gli obiettivi dell’UE. Ma gli agricoltori non possono essere lasciati senza alcun mezzo per combattere i parassiti che attaccano i loro raccolti. Ecco perché l’UE promuove tecniche alternative di controllo dei parassiti, in particolare pesticidi biologici come i microrganismi che possono controllare i parassiti in modo sicuro. Nuove tecnologie e agricoltura di precisione possono anche aiutare a ridurre l’uso di pesticidi. Ad esempio, possono consentire di irrorare solo la pianta o solo la parte della pianta colpita da parassiti, piuttosto che l’intero campo. L’agricoltura biologica promossa nella strategia Farm to Fork riduce anche l’uso di pesticidi chimici. E poiché i pesticidi non vengono utilizzati solo nelle fattorie, ma anche nei parchi pubblici e nei parchi giochi, nei campi ricreativi o sportivi, l’UE propone un divieto totale del loro uso in queste aree.

In che modo questo nuovo regolamento proteggerà il cibo che mangiamo e l’ambiente?

Ridurre l’uso di pesticidi fa entrambe le cose. La SUR promuoverà l’applicazione della gestione integrata dei parassiti (IPM), un approccio ecologico al controllo dei parassiti. Gli agricoltori che utilizzano l’IPM passeranno attraverso un processo per determinare i mezzi più appropriati per controllare gli organismi nocivi, con pesticidi chimici considerati come ultima risorsa. Gli agricoltori saranno inoltre obbligati a ricorrere a consulenti per aiutarli a identificare e utilizzare alternative efficaci ai pesticidi chimici. È necessario adottare queste misure. Le perdite di biodiversità, inclusa la perdita di impollinatori come le api, rappresentano una minaccia diretta alla sicurezza alimentare. A marzo la Commissione ha presentato una serie di azioni a breve e medio termine per rafforzare la sicurezza alimentare globale e sostenere gli agricoltori e i consumatori nell’UE alla luce dell’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia evidenzia la necessità di rendere le catene di approvvigionamento agricolo e alimentare dell’UE più resilienti e sostenibili, come delineato nella strategia Farm to Fork. Il presente regolamento contribuirà a raggiungere tale obiettivo.

Il regolamento sosterrà gli agricoltori e la spinta verso un’agricoltura più biologica?

Sì, l’UE risponderà all’urgente necessità di cambiare la rotta sui pesticidi e sosterrà gli agricoltori nelle loro azioni a tal fine. Soprattutto, nell’ambito della nuova PAC, gli Stati membri avranno un’esenzione specifica, che consentirà loro di finanziare il rispetto di tutti gli obblighi SUR per gli agricoltori per 5 anni. Ciò si aggiunge al notevole sostegno già previsto nell’ambito della nuova PAC, ad esempio, gli Stati membri possono utilizzare: regimi ecologici (bilancio minimo 48,5 miliardi di euro 2023-27) e interventi ambientali di sviluppo rurale (budget minimo 21,14 miliardi di euro 2023-27) a sostegno di pratiche agricole ambientali, come l’agricoltura biologica. La PAC può essere utilizzata anche per finanziare investimenti in macchinari e strumenti di gestione del rischio, nonché per la formazione e la condivisione delle conoscenze. Attraverso i servizi di consulenza agricola della PAC, gli Stati membri forniranno consulenza agli agricoltori sull’uso sostenibile dei pesticidi, sull’innovazione, sulle tecnologie digitali e sulla gestione sostenibile dei nutrienti. Tutti vincono, dalle api agli agricoltori ai consumatori, per le generazioni a venire. Le aziende di pesticidi stanno anche cercando di sfruttare le nuove opportunità di mercato a basso rischio e alternative ai pesticidi chimici. Proprio come la natura odia i pesticidi, detesta anche il vuoto. Ci saranno sempre modi per l’innovazione e il know-how da destinare a nuovi usi per il bene pubblico.

 

Pin It