BANNER ALIMENTI più 728 X 180 px

Questo canale ha raggiunto un aumento del +10% rispetto al 2019, grazie ai comportamenti e al mindset, destinati a permanere, che i consumatori hanno adottato durante l'emergenza.

Non viaggia invece in parallelo il clima di fiducia delle imprese che secondo le stime nello stesso periodo è in lieve diminuzione, da 114 a 113,8.

Queste attività hanno avuto un peso importante sui 124 miliardi di euro in meno spesi lo scorso anno dagli italiani. Dei 43,8 miliardi persi da alberghi e ristoranti, oltre 30 sono ascrivibili alla ristorazione.

500 nuovi prodotti da scoprire in fiera, il fuori salone “Cibus Off”, incontri ed appuntamenti dedicati in fiera ai professionisti della Grande Distribuzione e del Fuori Casa. È questa la ricetta di Cibus, il Salone internazionale dell’alimentazione di Parma in programma dal 31 agosto al 3 settembre. 

Le misure finanziate dal decreto coprono diversi ambiti, dal rilancio di allevamenti e agriturismi, all'imprenditoria femminile, dai risarcimenti per maltempo, dal fisco al lavoro.

Questo piatto di origine hawayana ha fatto registrare nel 2020 un balzo del +133% rispetto all'anno prima tra i cibi ordinati a domicilio. 

Per il settore del food & grocery, +84% nel 2020. In epoca pre-Covid, sarebbe stato difficile ipotizzare una simile crescita.

Un'indagine del Centro Studi di Confindustria mostra una crescita moderata; si registrano un +0,3% e +0,4% per quanto riguarda i mesi di aprile e maggio, che si aggiungono al +0,9% del primo trimestre. La variazione acquisita nel secondo trimestre è di +0,5%.

Per favorire l'adozione di misure dirette a contrastare la diffusione del Covid, il decreto Sostegni-bis contiene una variante del credito d'imposta per la sanificazione e l'acquisto di DPI.

Nel 2020, il valore è aumentato del 4,2% e il volume del 2% rispetto all'anno precedente. Cresce anche il comparto degli accessori (+2,3%).

Niente di nuovo sotto il cielo delle vendite a dettaglio di marzo, almeno rispetto al mese precedente. L’Istat rileva infatti solo un -0,1% in valore e +0,1% in volume, che sintetizza una crescita per i beni alimentari (+1,9% in valore e +1,7% in volume) e un calo per i non alimentari (-1,6% in valore e -1,1% in volume).